MARY DE LEO

Canto

Inizia a studiare musica dall’età di 8 anni, passando dallo studio del pianoforte a quello del canto, arrivando a partecipare allo Zecchino d’Oro. Le sue esperienze la porteranno a spaziare su più generi musicali, dagli studi di canto lirico alla band di paese di pop rock e musica leggera, esibendosi successivamente in vari club come corista in una cover band dei Pink Floyd. Il momento decisivo per scegliere di vivere di musica è l’ammissione nel prestigioso Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma, dove intraprende gli studi professionali sul canto nell’ambito jazzistico, grazie alla fondamentale direzione della nota Maria Pia De Vito. Così a Roma nascono per lei importanti collaborazioni e vari progetti nell’ambito jazz. Cura come leader il progetto “Boston in Jazz”, col quale la band propone swing e jazz della tradizione sia americana che italiana. Dal 2009 inizia la collaborazione con varie scuole romane, dove cura la docenza del canto sia pop che jazz e a volte anche del pianoforte per i bimbi al primo approccio. In parallelo agli studi in Conservatorio, studia anche la tecnica vocale attraverso il VOCAL BALANCE, che trova molto interessante e di notevole importanza, affinato e portato in Italia dalle due cantanti americane Brilla e Paglin: tale metodo vede la tecnica vocale come uno strumento fondamentale per riportare il balance vocale attraverso la naturale predisposizione al canto che ciascun corpo ha sin dalla nascita. Nel bagaglio esperenziale Mary de Leo porta con sé la collaborazione nella Big Band del Santa Cecilia e anche la partecipazione al Coro Vivaldi (diretto dal M° Amedeo Scutiero) della Scuola popolare di Testaccio di Roma, grazie al quale ha avuto collaborazioni con Elisa per alcune date del Tour “Ivy” 2011, compresa una data nella trasmissione “Domenica In”.
Dal 2012 ad oggi si susseguono esperienze corali tra cui “Burnogualà”, ensemble ideato e diretto da Maria Pia De Vito, col quale è stato prodotto e portato in tour il disco “Moresche e altre invenzioni”, presentato nel marzo 2018 all’Auditorium Parco della Musica. Tale progetto tocca date importanti in tutta Italia, tra queste il noto “Festival delle Dolomiti” e “Rumori nell’Isola” a Ventotene. È corista anche nella Filarmonica Prenestina con la quale prepara concerti di musica sacra esibendosi in prestigiosi contesti. Tra le collaborazioni in studio recente è quella per la produzione del disco “The Beyond”, remake di Fabio Frizzi/Fulci che porta al nuovo disco di brani del film.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi